Quante volte hai sentito dire che “anche l’occhio vuole la sua parte”? Tante, vero?
E credimi è una verità sacrosanta soprattutto quando si tratta di scrivere, leggere ed impaginare testi.
L’occhio sarà sempre guidato dalla forma di ciò che legge ed ecco perché è bene imparare come guidarlo nel modo migliore.

Esistono 4 semplici regole base da tenere a mente se vuoi fare un lavoro ben fatto.
Non è necessario applicarle tutte assieme sebbene tra loro esita un forte interconnessione e raramente ne applicherai soltanto una.
Per impaginare degnamente i tuoi pdf, presentazioni, flyer o qualunque cosa ti serva devi conoscere i quattro princìpi dell’impaginazione, che sono:

  • Vicinanza
  • Allineamento
  • Ripetizione
  • Contrasto
Vicinanza = Relazione

Questo principio dice che gli elementi in relazione tra loro devono essere raggruppati e posti uno vicino all’altro in modo che risultino un gruppo coeso piuttosto che un insieme sparso di elementi senza una disposizione logica.
Quando due elementi sono affiancati per la mente umana è più semplice creare connessioni e legami che mettono i due elementi in relazione e organizzano così visivamente ciò che stanno guardando o leggendo.

 

Allineamento = Ordine

Un impaginato è pulito e raffinato quando nessun elemento è posto a caso sulla pagina ed esiste un rapporto visivo tra un elemento e l’altro.
Un testo non allineato crea in chi lo guarda un senso di confusione già prima di iniziare a leggere. Anche se raggruppati uno vicino all’altro, gli elementi ben allineati tra di loro vengono letti con meno fatica rispetto a quelli messi a casaccio.
Applicare il principio dell’allineamento ti permette di avere un impaginato coerente e ordinato. Anche quando gli elementi sono distanziati tra di loro l’allineamento fa percepire all’occhio una correlazione tra di essi. È come se ci fosse una linea invisibile che li collega, sia otticamente che concettualmente.

 

Ripetizione = Coerenza

Ripetere elementi visivi in tutta la pagina permette a chi guarda di percepire una struttura dietro a ciò che sta guardando e ciò renderà il contenuto e la tua immagine più coerente e professionale.
Che siano colori, forme, pattern, rapporti tra gli spazi, linee, font, icone ed elementi grafici il loro ripetersi all’interno dell’impaginato permetterà a chi guarda il tuo impaginato di capire a colpo d’occhio la struttura alla base del contenuto e della tua immagine grafica, rendendoti anche più facilmente riconoscibile!

 

Contrasto = Enfasi

È uno dei mezzi più semplici per rendere interessante l’aspetto del tuo testo impaginato. Per essere efficace, tuttavia, il contrasto non deve essere timido o appena accennato, ma forte e deciso.
Impiega il principio del contrasto per attirare l’attenzione del lettore su un aspetto della pagina. Non accontentarti di rendere gli elementi appena un poco differenti.
Falli risaltare!
O invece che un contrasto otterrai un conflitto!
Ovviamente occhio a non esagerare e a sfociare così nel cattivo gusto. Mantieni un layout estetico coerente con la tua immagine, ma se devi mettere in risalto qualcosa non essere timido, osa!

 

Un ultimo – ma non ultimo – elemento da non dimenticare…

lo spazio

Non aver paura di costruire il tuo personale stile grafico con molti spazi.
Se ci pensi bene i quattro princìpi che ti ho appena spiegato non fanno altro che organizzare gli elementi all’interno dello spazio, ma è la presenza di spazio vuoto che crea il vero distacco e permette all’occhio di raggruppare visivamente ciò che compone l’impaginato.
Non affannatevi perciò ad ammassare troppe cose una accanto all’altro. Ricordatevi di dare spazio agli elementi nella pagina e di permettere all’occhio di apprezzare il bianco che separa gli elementi.

2 Condivisioni